Guida per principianti alla realizzazione di vestiti - Suggerimenti e trucchi fai da te — 2021

Prima del boom della moda prêt-à-porter, ogni capo di abbigliamento che qualcuno possedeva era fatto per l'individuo, o da loro stessi o da qualcuno che conoscevano. Ora, circa 30 anni dopo che il fast fashion ha iniziato a prendere piede, non sappiamo chi ha consegnato il nostro vestito in negozio, figuriamoci chi l'ha fatto. L'assenza di volto di questo modello ci consente di mettere da parte la nostra preoccupazione per l'etica della linea di produzione: lontano dagli occhi, lontano dalla mente! - mentre la giostra delle tendenze combinata con la dipendenza dalla serotonina dei social media ci ha intrappolati in un ciclo infinito di acquisti di più, rapidamente, ora.Annuncio pubblicitarioAcquistare un capo della nuova stagione è facile come fare clic-clic-checkout - ulteriormente abilitato dalla consegna il giorno successivo - ma un numero crescente di donne si sta mobilitando contro questo modello di moda disumanizzato e distaccato. Queste donne hanno imparato a creare i propri vestiti e, così facendo, hanno modificato la loro prospettiva su tutto, dall'importanza della comunità ai trucchi delle campagne pubblicitarie. Il servizio di rivista digitale Readly ha rivelato che su 5.000 titoli, con oltre 83 milioni di numeri letti a livello globale nel 2019, l'argomento più cercato è stato il ricamo, con lavoro a maglia, uncinetto e cucito anche nelle prime cinque tendenze. Mentre dovremmo diffidare della mentalità sciovinista del `` arrangiarsi e riparare '', che spesso trascura il complesso impatto psicologico di piattaforme come Instagram, nonché i privilegi economici e temporali che la moda sostenibile richiede, le giovani donne si stanno chiaramente rivolgendo all'artigianato tradizionale come un antidoto allo stato attuale e altamente problematico della moda. Con una ripresa della popolarità dell'acquisto e della sartoria vintage, e Pinterest segnala un aumento del 30% nelle ricerche di 'come fare vestiti' , è evidente che l'etica del fai da te è tornata in voga. Mindfulness, attivismo e creatività in parti uguali, è una gioiosa resistenza e originalità sartoriale tutto in uno. Tre donne che realizzano i propri vestiti ci hanno invitato nei loro spazi di lavoro per discutere di come iniziare (suggerimento: piccoli passi!), I migliori mercati di tessuti e come, una volta che inizi a cucire, il tuo rapporto con la moda cambia per sempre.

Lydia Higginson

Annuncio pubblicitario'Mia madre mi ha insegnato a cucire quando ero piccola, ma mi sentivo frustrata con lei perché volevo fare tutte queste cose elaborate e lei diceva:' No, ricominciamo dall'inizio '. Ha fatto i nostri vestiti quando eravamo piccoli, ma io sono il più giovane di cinque anni, quindi quando è arrivata da me era piuttosto impegnata. Ho imparato le basi dalla mamma, ma invece di conseguire una laurea in tessile, ho studiato politica, ma ho capito abbastanza rapidamente che non avrei mai voluto lavorare in quel mondo. Avevo una forte depressione e ansia, ed è stato allora che ho iniziato a cucire davvero - mi chiudevo per ore e ore e mi calmava davvero. Un giorno stavo guardando dalla finestra di Prangsta Costumiers a sud di Londra e il direttore di allora mi chiese se volevo entrare. Era adorabile, così ho fatto domanda per un apprendistato lì. Mi ha iniziato con uno stage di una settimana che si è trasformato in due anni. Fu un battesimo del fuoco perché erano conosciuti per le loro commissioni davvero complesse, da enormi copricapi da showgirl con piume a corsetti e cappelli a cilindro. Ho imparato a realizzare camicie da uomo, a creare abbellimenti e ricami e a mettere insieme un costume. Imparare a vestire qualcuno è una forma d'arte. Dopo l'apprendistato, mi sono trasferito da Londra a Bristol per diventare freelance come costumista. Sono atterrato in piedi quando ho trovato un fantastico studio chiamato Bristol Textile Quarter: 10 artisti tessili e di moda che lavorano insieme in un'unica grande stanza, condividendo macchine industriali e tavoli da taglio. Ho capito che c'era una vera disconnessione tra quello che facevo per vivere e il modo in cui mi vesto; Realizzavo vestiti per altre persone, ma indossavo ancora i leggings della strada principale. Non mi sentivo bene a indossare questi vestiti o ad entrare in questi negozi, quindi ho deciso di realizzare il mio intero guardaroba con la filiera più corta del mondo, fatta e indossata da me!Annuncio pubblicitarioHo iniziato il 1 ° gennaio 2016 e per evitare di rompere i miei propositi per il nuovo anno, ho creato il mio blog, Fatto il mio guardaroba , come dichiarazione. Ho iniziato con reggiseno e pantaloni perché è la prima cosa che ti metti la mattina. Non erano perfette ma erano belle a modo loro. Poi c'era un cappotto, poi pantaloni, maglione e camicia e così via. Nel primo mese avevo realizzato un outfit completo. Non ero irreggimentato, facevo solo quello che potevo la sera e nei fine settimana tra un lavoro e l'altro. A poco a poco ho dato via gli abiti da strada che avevo fino al 31 dicembre, quando tutto è andato al negozio di beneficenza e ho realizzato 75 pezzi miei. Da allora, ho fatto solo cose di cui avevo bisogno - come un bikini per una vacanza o un vestito per un matrimonio - perché non mi piace fare le cose per il gusto di farlo. La cosa bella è che quando le stagioni cambiano, posso apportare modifiche a ciò che ho già, come togliermi le maniche in estate e rimetterle in inverno. Quando hai una migliore comprensione di come sono fatte le cose che possiedi, hai molto più rispetto per loro. Anche se realizzi un solo paio di jeans, la prossima volta che ne comprerai un paio, penserai molto di più al lavoro e alla cura che è stato fatto per quel prodotto. Il mio studio è a due passi da Oxford Street e sapere che non ho bisogno di niente da lì è davvero liberatorio. Mi ha fatto guardare anche ad altre aree della mia vita: posso costruire il mio letto? Il mio tavolo da cucina? Essere autosufficienti è davvero una bella sensazione.Annuncio pubblicitarioHo anche acquisito un senso di comunità da questo. Ho imparato tante delle mie abilità da altre persone, come i costumi da bagno Claire Stidston e calzolaio da Lucy e Olly da Ottowin . Questa è la parte che più mi entusiasma - la condivisione delle competenze - e non voglio mai perderla. Da quando ho finito l'anno in cui ho creato il mio guardaroba, così tante persone si sono messe in contatto dicendo che volevano imparare a creare pezzi, quindi ho tenuto seminari negli ultimi tre anni. Ora vendo modelli digitalizzati e gestisco laboratori online in modo che le persone possano realizzare i pezzi utilizzando tessuti di provenienza locale. C'è un progetto straordinario, Fibershed , che riguarda la produzione di tessuti a ciclo chiuso; un altro, Bristol Cloth, vende lana di pecora locale tinta botanicamente da un micro-mulino locale, così posso realizzare un cappotto con questo bellissimo tessuto che ha viaggiato solo due ore in treno. Faccio fatica con la consapevolezza che il privilegio gioca un ruolo nella creazione di vestiti, ma come artista che vive e lavora a Londra, non posso rendere i miei laboratori più economici. Lavoro molto con enti di beneficenza, da Tenero , un ente di beneficenza artistico che mira a porre fine agli abusi sessuali, e Ottimo lavoro cellulare , che insegna il ricamo fine incarcerato, a In via confidenziale , un ente di beneficenza giovanile per la salute mentale. Per coloro che non hanno mai fatto nulla prima ma vogliono iniziare, comincerei prendendo in prestito una macchina da cucire, acquistando un cartamodello e un po 'di stoffa economica e rimanendo bloccato. Se chiedi in giro, ti garantisco che la mamma o la zia di qualcuno avrà un macchina da cucire nel loro loft e dato che vanno da £ 100 a £ 1.000, vuoi prima andare di seconda mano. Se sei a Londra, il mio punto di riferimento è un ragazzo straordinario chiamato Tony a Tufnell Park che ha un'incredibile officina di macchine da cucire usate . Ho paura quando va in pensione perché serve tutte le mie macchine: è così ben informato e gentile.Annuncio pubblicitarioPer tessuto, mercato di Goldhawk Road e MacCulloch e Wallis su Poland Street sono fantastici, e online mi piacciono Magazzino offset . Farai degli errori lungo la strada ma non puoi sbagliare: al massimo, dovrai sbloccarlo mentre sei seduto di fronte a Netflix! I modelli dei miei marchi indie preferiti costano tra £ 10 e £ 15, ma poi hai il modello per farti non solo un paio di tute, ma anche il tuo migliore amico, tua madre, tua sorella ... E una volta che sei esperto, puoi modificare il modello per creare abiti o pantaloni. In quasi tutti i laboratori che gestisco, qualcuno mi parla di un insegnante di tessuti che ha ucciso la loro fiducia, ma io dico che chiunque e tutti possono farlo '.

Atia Azmi

'Mia madre ha fatto i nostri vestiti per le occasioni speciali; Sono uno di quattro e lei userebbe lo stesso tessuto per creare stili diversi per tutti noi. Mio padre lavorava anche nell'industria dell'abbigliamento a Manchester e aveva la sua attività di maglieria, quindi vedere le persone cucire era del tutto normale per noi, ma non ho mai imparato a cucire dai miei genitori. Mi è piaciuto il punto croce e il ricamo dall'età di 8 o 9 anni, e ho fatto tessuti al GCSE, ma non l'ho ripreso fino a dopo l'università, dove mi sono formato per diventare un medico di base. Dopo aver terminato la mia formazione iniziale in ospedale per dottore junior, ho pensato che mi sarebbe piaciuto ricucire e ho iniziato principalmente a fare piccole trapunte - mi sono appassionato molto a lavorare a maglia - e da lì ho deciso di imparare di più su come realizzare i miei vestiti.Annuncio pubblicitarioIn qualità di giovane dottore che fa il lavoro a turni, in realtà avevo molto tempo: il lavoro o è completamente a tempo pieno o hai un'intera giornata libera dopo un turno notturno. La libertà e la creatività che ho ottenuto dal cucito è stato un bel cambiamento rispetto al modo in cui lavoravo in medicina, dove c'è davvero una risposta giusta e una risposta sbagliata. Ho sviluppato abilità che non avrei potuto fare ora che ho figli. Dico sempre alle persone che cercano di imparare quando hanno figli o un lavoro a tempo pieno che non puoi aspettarti di sapere tutto all'improvviso: ci vuole tempo. Può essere frustrante quando senti di non riuscire a trovare il tempo, ma ho capito che non lo troverai mai se continui a dire: 'Prima farò tutto il resto della vita, poi inizierò'. Ora, il nostro giardino d'inverno è la mia stanza da cucito. Una cosa di cui non ti rendi conto quando inizi è quanto accumulerai! Per quanto riguarda il materiale, adoro Simply Fabrics a Brixton, The New Craft House e Fabworks. Quanto guadagno varia; l'anno scorso in media ho fatto qualcosa di nuovo ogni settimana. Un capo complesso come un cappotto richiederebbe diverse (settimane) ma potrei fare due o tre gonne o top a settimana. In questa fase, sono consapevole se non ho bisogno di nulla, quindi sono più concentrato sulle nuove abilità che voglio apprendere o su qualcosa di più stimolante dal punto di vista creativo, come l'utilizzo di nuovi tessuti. Direi che due terzi del mio guardaroba sono cose che ho realizzato; è strano indossare qualcosa che non ho adesso. Mi piace molto fare cose per mia figlia e, dal punto di vista della sostenibilità, i vestiti dei bambini tendono ad essere di scarsa qualità e con materiali scadenti.Annuncio pubblicitarioRealizzare i miei vestiti ha cambiato il modo in cui vedo la moda. Quando vado per la strada principale, tutto quello che posso vedere è che ci sono troppi vestiti - numeri così enormi, è abbastanza travolgente. Tutti questi pezzi sono stati realizzati da qualcuno e probabilmente verranno indossati solo una manciata di volte. Una volta che sai in prima persona tutto il tempo che è passato a quell'indumento, per quanto tempo lo indosserai diventa così importante. Ora spendo molto meno in vestiti; quando compro qualcosa è solo occasionalmente e posso permettermi che sia diverso o speciale, il che è carino. Poiché sono una donna musulmana che indossa l'hijab, molte persone presumono che cucio perché non riesco a trovare quello che voglio indossare. Anche se non è così - ci sono molte opzioni per vestirsi in modo modesto - cucio perché non riesco a trovare quello che voglio indossare, ma solo perché sono piccola e amo lo stile scandinavo. Non puoi sempre trovare quei pezzi di piccole dimensioni, quindi realizzo abiti su misura per le mie preferenze. Consiglierei alle persone che iniziano a farlo solo nella tua giornata; magari ritaglia il tuo modello un giorno, poi infila la macchina il giorno successivo. Alla fine, arriverai al punto in cui potrai finire un capo in una o due settimane, piccoli passi alla volta. Inizia semplice. Instagram è ottimo per le sfide che aiutano con questo: ne facevo uno chiamato Settimana dei vestiti per bambini , dove dedichi 30 minuti al giorno a creare qualcosa e l'aspetto della comunità mi ha davvero motivato. Ci sono tutorial di YouTube su tutto, da come mettere le zip all'utilizzo di particolari macchine da cucire, e tag su Instagram come #beginnersewing o #indiepatterns sono ottimi per contattare le persone che stanno lavorando sugli stessi tuoi pezzi, che sono riusciti a risolverti un problema sei bloccato. Poiché cuci da solo, è facile sentirsi isolati e rimanere bloccati su qualcosa, ma c'è davvero un'intera comunità là fuori '.Annuncio pubblicitario

Alex Rita

'Ho cucito un po' a scuola ma non era qualcosa che mi portavo a casa. Crescendo, mia madre è sempre stata nei mercatini delle pulci e mi insegnava i tessuti di buona qualità. Per un po ', dopo essermi trasferito a Londra da Copenaghen, ero super al verde. Come molti altri, non avevo molti soldi di riserva dopo aver pagato l'affitto. Vivo vicino a Deptford Market e ho raccolto molti pezzi di seconda mano a prezzi accessibili che poi avrei tagliato, smontato e adattato per adattarmi a me, perché ho 5’11 anni. I pezzi erano come £ 3, non importa se ho sbagliato. Ho iniziato cucendo a mano, ma ora ho una macchina da cucire Janome non fantasia. La prima volta che ho fatto qualcosa di buono è stato quando stavo andando al matrimonio del fratello del mio ex. Mia zia è una creatrice di abiti da sposa, quindi ho passato due settimane andando avanti e indietro a casa sua, imparando a fare un vestito. Ho imparato molto, solo cose di base che prima non sapevo. Dopodiché, ho iniziato a copiare lo stile dei pezzi che già mi piacevano. Sono una persona molto visiva, quindi le ho semplicemente stese e ho elaborato la forma da lì. Mi ha fatto clic quando ho pensato, Oh, questa maglietta è composta solo da quattro quadrati messi insieme . Chiunque può farlo. Penso che se le persone si rendessero conto di quanto può essere semplice, sarebbero meno intimidite. Da tempo mi interessano le silhouette di kimono molto semplici e i pezzi giapponesi sono davvero semplici da realizzare, quindi è un buon punto di partenza. Forse è lo scandinavo in me, ma la cultura danese è tutta una questione di qualità. Non compro molto. Invecchiando, sono diventato più consapevole della mia energia e del mio spazio, ed entrare in un negozio nel centro di Londra è così scoraggiante, semplicemente non posso. Quando un amico acquista qualcosa di poliestere, puoi sentire quanto sia di scarsa qualità.Annuncio pubblicitarioCrescendo in Danimarca, non avevamo negozi in dollari o qualcosa del genere, quindi sono sempre stato un sostenitore della qualità. Mi piacciono anche le cose uniche, quindi entrare in un negozio e vedere 15 dello stesso vestito mi rende triste. Voglio solo vestiti sul mio binario che voglio indossare ogni giorno. Quando cambi la tua prospettiva sui vestiti, noti anche altre aree. Non mangio più carne e quando lo faccio è biologica. Puoi comprare un pollo da £ 2 al supermercato ma è economico perché non è stato curato. Un pollo di £ 10 è davvero il prezzo che dovremmo pagare per un animale vivo e che respira che non è stato semplicemente seduto in una gabbia. Siamo nutriti da un'idea così falsa di quanto dovrebbero costare le cose. Instagram è fantastico in termini di ispirazione. Di tanto in tanto, vedrò un annuncio per qualcosa che costa £ 200 e penserò, Ooooh e prova a farlo da solo. Ora compro solo cose che non posso fare da solo. Non riesco a lavorare a maglia, cosa che trovo molto sconvolgente! Non ho la pazienza, quindi compro maglioni di lana e scarpe. All'inizio non mettevo le cose su Instagram - era solo qualcosa da fare per me stesso - ma poi le persone hanno iniziato a chiedermi da dove prendevo le cose. Sembrava che le persone potessero forse trarne ispirazione, ecco perché ho iniziato a condividerlo. Penso che sia importante anche mostrare il processo: i social media sono spesso falsi e perfetti per le immagini, e voglio mostrare la realtà delle cose. Foto con didascalie come 'Ho appena comprato questo tessuto da £ 5' e poi immagini di me che lo taglio. Quando le persone lo vedono, potrebbero pensare, Posso farlo anche io . Mi sono state inviate alcune foto da altre donne che hanno fatto cose dopo aver visto i miei post e questo mi riempie di così tanta gioia. Se stai iniziando, la cosa principale è mettere da parte del tempo: non puoi sottovalutarlo. Londra è così diversificata e ogni quartiere ha un mercato brillante dove puoi acquistare tessuti a prezzi accessibili. Uso vecchie lenzuola, tende e plaid per realizzare la maggior parte dei miei pezzi, perché sono fatti di cotone e lana spessa e sono fatti per durare. Anche la comunità è così importante. A Deptford c'è una bancarella gestita da una coppia di anziani che raccoglie materiali di scarto da posti diversi da cui adoro comprare. Inoltre, realizzo abiti da palcoscenico per la mia amica che è un musicista e mi sta insegnando a cantare! Lo scambio di abilità è davvero sottovalutato. Vivendo a Londra, tutto è frenetico e veloce, ma dovremmo trovare il tempo per queste cose. Cucire è così terapeutico, solo il suono dell'ago che ondeggia. Guardiamo sempre gli schermi, ma quando cucio sto meditando '.Annuncio pubblicitario Storie correlate #JacquemusAtHome è la cosa migliore sui social media La tua maschera per il viso fatta in casa è efficace? È un ottimo momento per imparare a riparare